Artes Mechanicae

10147_569826139735629_1096420130_n

Artes Mechanicae

Casa dei Teatri

Villa Doria Pamphilj-Villino Corsini

Villa Doria Pamphilij (ingresso Arco dei Quattro Venti)

Fino al 6 ottobre 2013

dal martedì alla domenica; fino al 30 settembre, ore 10-19; dal 1 ottobre, ore 10-17

ingresso libero

info: 060608; 06.45460693

SITO : CLICCA QUI

1372248424b

“Nella mostra Artes Mechanicae”, dedicata alle “macchine sceniche” del maestro Luciano Minestrella, il teatro si raffigura in opere – dal Rinascimento ai congegni contemporanei – che occupano le stanze della Casa dei Teatri come installazioni che il visitatore attraversa seguendo un percorso conoscitivo.

Dal 27 giugno al 6 ottobre, a dare il benvenuto al visitatore nella prima stanza c’è la grande macchina scenica dell’Ippogrifo, che invita il pubblico a salire idealmente sul suo carro per intraprendere il viaggio.

La seconda stanza è il luogo della ricerca storica, della scoperta, delle radici e delle tracce delle Artes Mechanicae. Tre modelli di macchine sceniche progettate e realizzate nel Quattrocento a Firenze testimoniano il genio di grandi menti quali Filippo Brunelleschi e Filippo D’Angelo detto il Cecca, la capacità costruttiva delle botteghe artigianali e la forza narrativa degli ingegni creati. A fare da ponte tra il passato rinascimentale e il tempo attuale c’è il modello della macchina scenica per il racconto della Natività, progettata e realizzata nel 1995 da Luciano Minestrella.

Nella terza stanza il modello della macchina scenica Contaminazioni propone una Nike di Samotracia a grandezza naturale mentre in quello di Riah Azpar campeggia un David di Donatello che sovrasta una porzione di deserto in miniatura.

L’Uomo Vitruviano dentro un quadrato  immerso in un grande cerchio campeggia nella quarta stanza. Ai suoi piedi il modello della macchina scenica Sine Tempore. Due piccole macchine fanno all’immagine leonardesca da cornice: Uccello, un omaggio allo studio di Leonardo sul volo degli uccelli e La lampada, frutto di una ricerca sulla illuminazione per spettacoli.

Nell’ultima stanza si entra in una bottega artigiana sospesa tra il passato e il presente. Oggetti, progetti, strumenti di lavoro fissati come in una foto per indurre il visitatore a mettersi in gioco e sentire il bisogno e il piacere di divenire lui stesso progettista e costruttore… dei propri sogni.”

img_giusta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...