The Future is now!

maxxi-kh9E-U43050696063567NRD-1224x916@Corriere-Web-Roma-593x443

The Future is now!

fino al 15 marzo 2015

MAXXI – Roma

www.fondazionemaxxi.it

 

Il Maxxi – Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo di Roma rivolge lo sguardo a Oriente con la mostra “The Future is now!”, dedicata alla video arte in Corea del Sud. L’esposizione, in programma fino al 15 marzo 2015, presenta 41 opere video e installazioni provenienti dalla collezione dell’Mmca, il Museo Nazionale Coreano d’Arte Contemporanea di Moderna di Seul. A rappresentare la New Media Art coreana sono 33 artisti, dal pioniere Nam June Paik ai nomi emergenti dalla rete e dai social network.

Più di trenta opere video e installazioni con diversi media, per raccontare la scena artistica coreana della New Media Art dalle opere pioneristiche di Nam June Paik alle sperimentazioni degli anni Ottanta, passando per la rivoluzione digitale e i cambiamenti culturali portati dalla rete e dai social network. E’ THE FUTURE IS NOW! La mostra organizzata dall’MMCA Museo Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Corea e coprodotta con il MAXXI che espone 41 opere di 33 artisti coreani.
Il 2014 è l’anno del 130 anniversario dell’inizio delle relazioni diplomatiche tra Italia e Corea in seguito al trattato del 26 giugno del 1884. Da quel momento l’Italia e la Corea sono state strettamente
legate e hanno lavorato costantemente per rafforzare l’amicizia tra i due paesi. Quest’anno entrambi i governi celebrano l’anniversario con molti eventi, di cui la mostra al MAXXI è uno dei momenti più
significativi.
THE FUTURE IS NOW! presenta la collezione di New Media Art dell’MMCA con l’obiettivo di riflettere sui “futuri” analizzando la New Media Art dalla fondazione nel 1987 ad oggi. La mostra presenta non solo le opere provenienti dalle collezioni del museo, ma anche una vasta gamma di materiali audiovisivi.
Sembra un paradosso, ma se si sogna il futuro, bisogna concentrarsi completamente sul presente, perché sono le nostre scelte, decisioni e azioni di oggi a determinarlo. E’ questo il senso del titolo della mostra tratto dalla famosa frase di Nam June Paik con cui l’artista descriveva la sua idea di futuro.
Oggi sappiamo che le prime opere di New Media Art realizzate in tempi in cui c’era poca comprensione per questa nuova forma di espressione, sono il fondamento delle opere prodotte oggi, fatto che dimostra ancora come le azioni di oggi siano fondamento del nostro futuro.
L’esposizione realizzata nella Sala Gian Ferrari e nella Sala Carlo Scarpa è organizzata in quattro sezioni cronologiche: 1/I Pionieri della New Media Art in Corea, 2/La combinazione di Arte e Tecnologia: l’epoca dello sviluppo e della sperimentazione, 3/Lo sviluppo di internet e della New Media Art e 4/La cultura creativa nell’era del digitale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...